Ciri, Bernardi, Magnaguagno, 3000 delle Dolomiti (2012)

Ciri, Bernardi, Magnaguagno, 3000 delle Dolomiti (2012)

Messaggioda CAI Castelfranco » 13/09/2012, 14:12

Le Dolomiti, questo immenso giardino di pietre e boschi, com'è noto, hanno come massima elevazione i 3343 m della Marmolada, o meglio di Punta Penìa. Oltre ad essa, altre numerose vette sono ambite e frequentate. La maggior parte degli alpinisti però non conosce che una minima parte di queste cime, e ancor meno la loro via di salita più semplice e le difficoltà che si incontrano in percorsi tecnicamente non di massimo livello ma impegnativi per la complessità, la qualità della roccia, l'avvicinamento. Se per questi due ultimi ostacoli alla salita di queste cime i tre autori nulla possono fare per aiutarci, moltissimo invece hanno fatto nella minuziosa descrizione di ogni singola via, decritta con puntiglio e dando, per ognuna, dettagliate e aggiornate informazioni per raggiungerne la vetta lungo la via normale. Le difficoltà che le vie normali di queste montagne oppongono vanno da percorsi escursionistici, a difficoltà alpinistiche di I-II grado fino a salite di maggior impegno di III-IV grado anche su terreni ancora poco o per nulla addomesticati. Una guida quindi per gli amanti di un alpinismo ad ampio respiro che coniuga ambienti selvaggi e aria sottile. Un bel volume corredato di belle foto col tracciato di tutte le salite, 463 pagine per gli 86 3000 più 8 tra i cosiddetti "grandi esclusi", come ad es. la Cima Grande di Lavaredo (2999 m).
I edizione luglio 2012, Idea Montagna Editore


Immagine
CAI Castelfranco
Amministratore
 
Messaggi: 33
Iscritto il: 12/03/2009, 10:16

Torna a Biblioteca della Sezione - nuovi arrivi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


cron