alpdue.jpgalpuno.jpgbike.pngescursionismo.jpgsciuno.jpg
Decrease font size Default font size Increase font size

Castellaz (Monte Castellazzo) 2.333 mt. Gruppo delle Pale di San Martino

Nella zona del passo Rolle, una tozza cima isolata neanche tanto appariscente riserva uno straordinario balcone panoramico sulle scenografiche cime della catena settentrionale delle Pale di San Martino.
Proprio di fronte a noi, più vicino delle altre cime è l'inconfondibile Cimon della Pala, il cosiddetto Cervino delle Dolomiti.
Per la sua felice posizione, la cima del Castellaz (italianizzato in Castellazzo) è stata punto di osservazione dalle retrovie, durante la prima fase della grande guerra, e vi sono stati apprestati alcuni insediamenti militari imperiali, coordinati con la linea di fronte del Lagorai. Le postazioni vennero conquistate a fatica e tenute per breve tempo, dagli italiani.
Siamo nell'area del Parco Naturale Paneveggio - Pale di San Martino, di straordinario valore ambientale.
E’ una zona dove vige la regola della passeggiata lenta meditativa e poco faticosa, dove a esaltarci sono questi supremi capolavori della natura.
Non a caso la cima ospita la pensosa figura del Cristo. Un’opera composta da una croce dalla quale il Cristo è sceso e, pensoso, contempla ... non sappiamo cosa, come potremmo? Da qui possiamo capire che l'ammirazione per la natura dovrebbe occupare il primo posto fra i valori della vita.
Poco distante, la celebre baita Segantini (dal nome del famoso pittore paesaggista ottocentesco) nota e vista in tutto il mondo nelle fotografie, le magie ed i colori che le guglie dolomitiche sanno esprimere. Probabilmente uno dei sentieri più frequentati e ammirati di tutte le Dolomiti. Da passo Rolle (1980) raggiungeremo subito la cima del Castellaz (2333), poi con un sentiero a giro saliremo la Costazza (2290) per discendere alla baita Segantini, per vederla. Proseguendo andiamo a salire il piede, anzi l’alluce nord-occidentale del Cimon della Pala, detta come va detta, saliremo Punta Rolle (2222) e da qui torniamo al passo.
Nel pomeriggio, se c’è ancora tempo potremo raggiungere La Cavallazza (2324) e il Rifugio Colbricon (1922) coi suoi bei laghi, una zona che già fa parte della catena dei Lagorai.

Punto di partenza / arrivo: Passo Rolle, circa 1980 metri.

Cime: Castellaz 2333 metri, Costazza (2290), Punta Rolle (2222), poi eventualmente Tognazza (2209) e Cavallazza (2324)
Tempo di percorrenza: Circa 4 ore più le soste e 3 ore più le soste la tappa pomeridiana. Dislivello: Circa 600 mt + 400 mt.
Livello di difficoltà: E, sentiero spesso su crinale, ambiente roccioso ma molto frequentato.
Attrezzatura: Abbigliamento per quote medie, attrezzarsi per eventuale pioggia e per il vento. Scarponcini resistenti all’acqua, pranzo al sacco, acqua a sufficienza

Joomla templates by a4joomla